Se il coniuge superstite è proprietario al 50% dell’abitazione principale, l’altra metà la ereditano i figli? - 50&PiùCAF

Se il coniuge superstite è proprietario al 50% dell’abitazione principale, l’altra metà la ereditano i figli?

DOMANDA
Un’abitazione intestata al 50% a due coniugi con 4 figli (ognuno con abitazione propria), nel caso in cui venisse a mancare uno dei coniugi, l’altro 50% spetta al coniuge superstite? In tal caso il coniuge superstite come dovrà comportarsi riguardo alle spese di IMU e TASI?
Il 50% dell’abitazione del coniuge deceduto va ai figli? In questo caso come dovranno comportarsi riguardo le spese di IMU e TASI?

RISPOSTA
La Legge di Bilancio 2020 ha abolito la TASI e istituito la “nuova” IMU che, sostanzialmente, ricalca la precedente imposta. Continua ad essere esente l’abitazione principale e le sue pertinenze di categoria C/2, C/6, C/7, nel limite massimo di una per ciascuna categoria catastale.
L’esenzione non riguarda le abitazioni principali cosiddette “di lusso” classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9.

Ai fini IMU per abitazione principale si intende l’immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore e i componenti del suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente. Il Legislatore, in sostanza, ha previsto il doppio requisito della “residenza anagrafica” e della “dimora abituale” del possessore e del suo nucleo familiare, in assenza dei quali l’esenzione IMU non spetta.

Tornando al suo quesito ai sensi dell’art. 540 del codice civile al coniuge superstite, anche quando concorra con altri chiamati all’eredità, sono riservati i diritti di abitazione sulla casa adibita a residenza familiare se di proprietà del defunto o comuni.

Ne consegue che il coniuge superstite, al quale compete il diritto di abitazione sull’immobile destinato a “casa coniugale”, è l’unico soggetto passivo ai fini IMU. Poiché l’immobile è destinato ad abitazione principale sarà totalmente esente da IMU (salvo il caso in cui non sia un’abitazione cosiddetta “di lusso” classificata nelle categorie A1, A8 e A9). Anche ai fini Irpef l’unico soggetto che dovrà dichiarare l’immobile, nella sua dichiarazione dei redditi, è il coniuge superstite mentre voi figli non dovrete fare nulla.

COSA C’E’ DA SAPERE
La Legge di Bilancio 2020 ha abolito dal 1° gennaio 2020 la Iuc (ad eccezione della Tari) sostituita dalla nuova imposta che unifica Imu e Tasi. La nuova Imu mantiene l’esenzione già prevista per la prima casa definita come abitazione principale.
Come in passato la nuova Imu si paga in due rate, la prima in acconto con scadenza al 16 giugno e la seconda a saldo, con scadenza al 16 dicembre, sulla base delle aliquote deliberate dal Comune e pubblicate sul Portale del MEF entro il 28 ottobre di ciascun anno. In caso di mancata pubblicazione della Delibera del comune, entro il predetto termine, resterà valida quella dell’anno precedente.

In merito alla scadenza del 16 giugno 2020 gli addetti al settore e le associazioni di categoria hanno richiesto al Governo una proroga, viste le difficoltà legate all’emergenza sanitaria. Alla data del 4 giugno resta ancora confermato il termine del 16 giugno 2020 per il versamento dell’acconto IMU.

Tuttavia, con la notizia del 21 maggio 2020 pubblicata sul proprio sito Internet, l’IFEL (la Fondazione dei Comuni per la finanza locale) ha evidenziato che i singoli Comuni possono differire i termini di versamento dell’IMU al verificarsi di situazioni particolari.

Conseguentemente, a seguito dell’emergenza COVID-19 il singolo Comune potrà deliberare il differimento del termine del 16 giugno fissando una diversa data di scadenza, oppure potrà prevedere la possibilità, per il cittadino, di versare anche in ritardo senza l’applicazione di sanzioni e interessi.
In assenza di ulteriori indicazioni è consigliabile verificare sul sito internet del proprio Comune oppure contattare l’Ufficio Tributi.

50&PiùCaf è a disposizione per il calcolo dell’IMU. Nel momento della presentazione della dichiarazione dei redditi è possibile ottenere da 50&PiùCaf i modelli F24 per il pagamento dell’imposta, nonché l’assistenza per tutti gli adempimenti relativi ivi inclusa la presentazione della Dichiarazione IMU in caso di variazioni.

Gli esperti di 50&PiùCaf che rispondono alle vostre domande sono:
Marco Chiudioni, Stefania De Agrò, Ada Martino, Romeo Melucci, Giuseppe Russo.

Questa rubrica, curata dai nostri esperti fiscali, risponde al quesito più significativo e di interesse generale pervenuto nel corso della settimana.

Il QUESITO della settimana

Potrebbe interessarti anche

Cerca articoli per categoria
Hai bisogno di consulenza e assistenza fiscale?
Convenzione aziendale
Le esigenze dei dipendenti sono una delle priorità delle aziende

Per questo molte organizzazioni mettono a disposizione dei collaboratori forme di welfare aggiuntivo. Ti proponiamo una convenzione con condizioni economiche vantaggiose e un’assistenza dedicata

Collabora con noi
Sei un professionista di settore e vuoi ampliare la gamma dei servizi da offrire ai tuoi clienti?

Per fidelizzare i tuoi clienti puoi affidarti ad un partner professionale senza fare investimenti. Offriamo le migliori soluzioni in ambito fiscale e previdenziale a vantaggio dello studio professionale di dottori commercialisti, consulenti del lavoro ed esperti contabili.